Skip to content

I Top Ten Miti della Tecnica Alexander (ITALIAN)

di Bruce Fertman, 11 febbraio 2020

Un collega insegnante della Tecnica Alexander mi chiese se avevo una copia della trascrizione del mio breve video di YouTube, I Top Ten Miti della Tecnica Alexander. Era da qualche parte nel mio computer. La trovai e apportai delle leggere modifiche. Aggiunsi delle  foto per sostenere alcune delle idee.

Condividete pure questa trascrizione. Per capire queste idee in maniera più approfondita, consiglio di leggere Teaching by Hand/Learning by Heart-Delving into the Work of F.M. Alexander, un libro  che ho scritto e pubblicato  da Jean Fischer, Mouritz Press.

I TOP TEN MITI DELLA TECNICA ALEXANDER

Salve. Mi chiamo Bruce Fertman. Sono il fondatore e direttore della Alexander Alliance International. Questi sono I top ten miti della Tecnica Alexander che molte persono credono siano veri. Dopo 50 anni di studi specializzati e dopo aver formato 300 insegnanti, mi sono reso conto che queste idee non sono vere.

Uno

La Tecnica Alexander riguarda la postura. Questo è un mito.

Realtà. La Tecnica Alexander riguarda la non-postura. Il problema è che assumiamo continuamente posture, spesso inconsciamente. La Tecnica Alexander riguarda il diventare una persona senza postura, cioè che non si tiene dritta, non è statica, è flessibile, mobile non solo fisicamente ma come persona in generale.

08 Swing and Sweep_1 copy (2)

Photo: B. Fertman – Trevi Fountain

Due

La Tecnica Alexander riguarda lo stare dritti. Questo è un mito.

Realta’. La Tecnica Alexander non ha niente a che vedere con lo stare dritti. Non c’è una linea dritta nel corpo o nemmeno nell’universo. La Tecnica  Alexander non ha niente a che vedere col fare le cose giuste e correttamente. Riguarda il fare bene quello che facciamo, in maniera efficiente, con efficacia, fluidità, tranquillità e piacere.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Photo by: Anchan of B. Fertman

Tre

 La Tecnica Alexander riguarda come si sostiene la testa sul collo. Questo è un mito.

Realta’. La Tecnica Alexander riguarda come smettere di sostenere la testa sul collo. Riguarda come non interferire con i meccanismi di equilibrio intrinseci che funzionano per noi.

Photo: B. Fertman – Sherry Stephenson

Quattro

La Tecnica Alexander riguarda il corpo. Questo è un mito.

Realtà. La Tecnica Alexander riguarda noi, come siamo con noi stessi, con gli altri e il rapporto che abbiamo  con il mondo attorno a noi. Riguarda la qualità delle nostre azioni ed interazioni. Riguarda la qualità delle nostre esperienze. Riguarda come siamo mentre facciamo quello che facciamo.

Photo: B. Fertman

Cinque

La Tecnica Alexander riguarda come diventare più simmetrici perchè la simmetria è equilibrio. Questo è un mito.

Realtà. Nulla è perfettamente simmetrico in natura, inclusi gli esseri umani. La simmetria è un concetto, come un punto o una linea sono un concetto. Budda può sembrare simmetrico mentre sta seduto tranquillamente su un fiore di loto ma se si guarda più da vicino, notiamo un piede sopra l’altro e una mano sopra l’altra. Guardate da vicino la faccia di qualsiasi persona e non troverete una simmetria perfetta. Ricerchiamo armonia, non simmetria e l’armonia non è collegata alla forma del nostro corpo in un determinato momento.

2

Photo: B. Fertman

Sei

 La Tecnica Alexander riguarda l’equilibrio. Questo è un mito.

Realtà. L’equilibrio per gli esseri umani è impossibile. Intrisicamente viviamo in uno stato di equilibrio precario e questo incoraggia il movimento. Vacilliamo verso e lontano dall’ equiliibrio. Questa è una buona cosa. Quando il vento soffia, le onde si formano sopra la superficie di uno stagno. Il vento si ferma e queste onde diventano più piccole, avvicinandosi alla tranquillità ma senza mai raggiungerla. La tranquillità è un concetto, un bel concetto, ma nella tranquillità risiede il movimento, per quanto sottile possa essere.

81676936_1171194513271129_5566218315002544128_n

Lucia Walker: Alexander teacher, Johannesburg, South Africa

Sette

La Tecnica Alexander riguarda come respirare correttamente. Questo è un mito.

Realtà. Non respiriamo. Alexander una volta disse “Finalmente scopro che quando non respiro, respiro”. Io lo direi in questo modo: ”Finalmente scopro che quando non respiro, sto respirando”. Respiriamo grazie a forze profonde che risiedono dentro e attorno a noi. Respiriamo quando dormiamo? Respiriamo quando mangiamo? Si’, possiamo prendere un respiro. Ma il respiro non è qualcosa che può essere preso. Non appartiene a noi. Il respiro e è un dono del mondo. Deve essere ricevuto. L’atto di respirare è un atto ricettivo. Risponde ad un’attivita’. Non è qualcosa che facciamo, non è un’attività come correre su una collina. Quando corriamo su una collina, stiamo prima fermi e respiriamo e prendiamo abbastanza aria e poi corriamo? Oppure corriamo e respiriamo automaticamente e fedelmente rispondiamo ai nostri desideri, senza dover neppure chiedere?

Otto

La Tecnica Alexander riguarda il modo in cui stiamo in piedi sui nostri piedi. Questo è un mito.

Realtà. Non stiamo in piedi sui nostri due piedi. Stiamo in piedi per terra.

Nove

La Tecnica Alexander riguarda l’imparare a rilassarsi. Questo è un mito.

Realtà. La Tecnica Alexander riguarda la preparazione. La Tecnica Alexander riguarda Il prepararsi a niente in particolare mentre siamo pronti ad affrontare qualcosa che potrebbe accadere. La Tecnica Alexander riguarda il ritornare senza sforzi, più e più volte,  ad uno stato di allerta e calma.

Photo: Anchan – Alexander teacher: Britta Brandt-Jacobs

Dieci

 La Tecnica Alexander riguarda la giusta meccanica del corpo, l’imparare al meglio ad alzarsi e sedersi dalla e sulla sedia, come camminare correttamente, come piegarsi senza farsi del male, ecc. Questo è un mito.

Realtà.  Gli esseri umani non sono meccanici. Non siamo macchine. Siamo esseri organici, Siamo dei mammiferi. La Tecnica Alexander riguarda l’apprendimento di come siamo formati per funzionare al meglio come Homo Sapiens. La Tecnica Alexander riguarda in parte la messa in gioco di concetti culturali, di gender ed estetici che riguardano il corpo e interferiscono col funzionamento e la bellezza del nostro design.

efg_24.197.2_283230_03

Bruce Fertman

The Alexander Alliance Europe

bf@brucefertman.com

Traduzione

di

Daniela Sangiorgio

MSTAT

%d bloggers like this: